Costiera amalfitana

Il secondo itinerario ha come “protagonista unica” la costiera amalfitana: un tratto di costa contraddistinto da un eccezionale splendore naturalistico, incredibilmente sospesa tra cielo, mare e alture.

Paesaggi incantevoli e panorami suggestivi ci hanno accompagnati, senza sosta, durante tutto l’itinerario. Da Vietri sul Mare a Positano, passando per Maiori, Cetara e Amalfi.

 


Vietri Sul Mare

vietriPrima tappa non poteva che essere Vietri sul Mare, “porta d’ingresso” della costiera amalfitana.
 
Una caratteristica cittadina che si estende collinarmente a ridosso della costa fino ad affacciarsi su una splendida porzione di mare cristallino.
 
Nella caratteristica piazzetta (appena giunti in zona Marina) è possibile parcheggiare l’auto su un “terrazzo” dal quale si gode di un ottimo panorama e dal quale prende vita, fin da subito, una piacevole frenesia: la curiosità di inoltrarsi tra gli stretti vicoli che mostrano una miriade di negozietti sovrabbondanti di coloratissime ceramiche.

chiesa

Girovagando per i vicoli del borgo antico non si può fare a meno di apprezzare il Duomo (Chiesa di San Giovanni Battista), caratterizzato all’esterno da una meravigliosa cupola realizzata con maioliche colorate e da un affascinante campanile.

Gli interni sono delineati da un equilibrato avvicendarsi di stili (romanico, rinascimentale e barocco) che culminano in un soffitto a cassettoni in oro zecchino, risalente al XVII secolo.

Le nostre passeggiate a Vietri sul Mare continuano piacevolmente, sempre circondati dalle ceramiche artistiche che decorano vicoli, strade, negozi, abitazioni con oggetti di ogni genere, rigorosamente lavorati a mano e frutto di una tradizione secolare. Impossibile non acquistare un souvenir!

Vietri è stato decisamente un ottimo esordio per introdurre la nostra visita in costiera, non sarà di certo un caso se, nel 1997, L'UNESCO abbia dichiarato Vietri sul Mare (insieme agli altri insediamenti della costiera) patrimonio dell'umanità!


Cetara e Maiori


cetara-ponteNel percorrere l’incantevole strada che caratterizza tutta la litoranea, a circa 6 Km da Vietri, giungiamo a Cetara, ai piedi del monte Falerno.

Cetara rappresenta uno dei luoghi più caratteristici della Costiera Amalfitana.

Un paesino che sembra essere “dispensato” dal turismo di massa, legato alle attività tradizionali quali la pesca, ha conservato intatto il suo fascino di borgo marinaro.

Il legame con il mare si respira in suo ogni angolo.

Se vi capita di fermarvi a pranzo in questo incantevole luogo, assolutamente consigliato è il suo piatto tipico: spaghetti con la colatura d'alici, un condimento ottenuto dalla fermentazione di alici fatte marinare in appositi contenitori.

Splendide le spiagge sottostanti la possente torre di guardia.

Avanzando in direzione nord, giungiamo a Maiori, un splendido borgo che dall’altro ricorda un ventaglio aperto sul mare. cetara-2Ed è proprio qui che si trova la spiaggia più lunga della Costiera Amalfitana. Si resta affascinati da circa un chilometro di spiaggia sabbiosa, caratterizzata da una sabbia scura di origine vulcanica, su cui sorgono diversi stabilimenti balneari e un lungomare pianeggiante.

A fare da appendice alla spiaggia, alzando lo sguardo verso l’interno della costa, non si possono non notare i caratteristici terrazzamenti coltivati ad agrumi. Il borgo è dominato dalla Rocca di San Nicola de Thoro-Plano che merita assolutamente una visita!

cetara-3Per raggiungere le varie tappe, è stato veramente stimolante percorrere quella che viene da tutti definita “una delle strade più belle d’Italia” (confermiamo!): la Strada Statale 163.

Questa strada, che collega tutti i paesi della Costa Amalfitana, venne costruita in epoca borbonica nella prima metà del XIX secolo.

Accompagnando il naturale andamento della fascia costiera, il cammino elargisce continuamente nuovi e spettacolari colpi di scena.

Un percorso ricco di curve, stretto tra la parete rocciosa e il mare a strapiombo. Un autentico spettacolo!

 

Amalfi

amalfi-1

Finalmente giungiamo ad Amalfi e indugiamo, per qualche minuto, affascinati dalla pittoresca dislocazione della città: letteralmente “arroccata” sugli sbalzi rocciosi dei Monti Lattari.

Veniamo da subito rapiti dallo splendore di vicoli e piazzette che offrono scenari pittoreschi ovunque venga rivolto la sguardo, fino a giungere ai piedi del maestoso Duomo di Sant'Andrea che ci accoglie con una scenografica scalinata, un campanile in stile arabo-normanno e un suggestivo Chiostro del Paradiso.

Consigliamo di visitare il Museo della Carta che è situato all’interno di un'antica cartiera medievale del XIV secolo.

Si potranno ammirare gli antichi macchinari e le attrezzature impiegati per realizzare della prestigiosa carta a mano.

Abbiamo avuto la fortuna di assistere ad una visita guidata con una dimostrazione pratica dellanotte-amalfi fabbricazione di fogli in carta con il funzionamento degli antichi mulini ad acqua (attivati dalle acque del torrente Canneto). Assolutamente consigliabile!

Amalfi di notte è qualcosa di sorprendente: un luogo dove colori e odori ti avvolgeranno in una sensazione di piacevole relax.

Passeggiare per i vicoli della splendida cittadina, ammirare frammenti di costa illuminata dal chiarore di una luna splendente e rivivere angoli di storia dell’antica Repubblica Marinara non sono emozioni facilmente descrivibili.

Impossibile non far tardi la sera tra i tanti locali notturni. Ma poi bisognerà pur riposare: abbiamo soggiornato presso l’Hotel Amalfi in pieno centro. Struttura consigliata!

 

 

Positano

ghj

Ultima tappa del nostro itinerario in costiera amalfitana, ma non meno importante e suggestiva, coincide con la splendida Positano e le sue coloratissime abitazioni mediterranee.

Da ogni punto del paese in cui ci si trovi è impossibile non ammirare la spettacolare cupola in maiolica multicolore della Collegiata di Santa Maria Assunta che al suo interno custodisce l'icona della Madonna Nera di ispirazione bizantina e risalente al XVIII secolo. Una cupola che è quasi divenuta il simbolo del cittadina.

Dalla “Spiaggia Grande” le caratteristiche case imbiancate a calce si arrampicano su un ripido pendio attraversato da lunghissime scalinate, portici e sottopassi che dal mare portano sempre più in alto.

Se si volge lo sguardo in basso, poi, ci si ritrova immersi in un paesaggio caratterizzato da stretti vicoli ... un paesaggio che appare sospeso tra cielo e mare.

Da non perdere il “Sentiero degli Innamorati” che va dalla "Spiaggia Grande" fino alla spiaggia di “Fornillo”!
spiaggia

Durante il soggiorno a Positano, grande spazio merita di essere dedicato per “esplorare” le vie del centro. positano

Qui i negozietti stracolmi di particolari ceramiche colorate, di abiti carichi di colori che hanno segnato un’epoca e dei caratteristici sandali fatti a mano aprono le porte a noi viaggiatori in maniera assolutamente naturale al punto da farci sentire a casa.

Ottimi acquisti si potranno fare lungo le scalinate!

 

Strutture che abbiamo visitato e recensito ad Amalfi:

Trattoria-Pizzeria “Da Maria”

Hotel Amalfi, Amalfi (SA)